> Home > Atego

Atego usati - {{$rootScope.tsoSearchWidget.totalSearchCount}} Veicoli

LKW-Modelle-bei-TruckStore
L’Atego di Mercedes-Benz è disponibile nella nostra rete TruckStore. L’Atego si contraddistingue per i bassi costi e l’elevata affidabilità. Viene utilizzato soprattutto per il traffico di distribuzione leggero.

Atego è il nome di una serie di autocarri dell’unità autocarri di Mercedes-Benz di Daimler AG.

Nel 1998, l’Atego fu introdotto come successore della serie LK. Inizialmente fu prodotta una nuova serie di autocarri medi. I modelli di questa serie avevano un motore diesel in linea a quattro cilindri OM 904 LA con 4,25 litri di cilindrata e sei cilindri in linea OM 906 LA con 6,37 litri di cilindrata. Quest’ultimi avevano una potenza di 90-205 kW (122-279 CV) e 470-1.100 Nm. Fin dall’inizio, Daimler propose l’Atego in diversi modelli. Infatti, per l’Atego erano disponibili quattro cabine diverse, diversi passi compresi fra 3.020 mm e 6.260 mm nonché diverse forme di cassoni. Anche per la trasmissione esistevano diverse varianti.  I modelli disponibili erano il G42/5-5 a 5 marce, il G60/6-6 e il G85/6-6 rispettivamente a 6 e a 12 marce. Anche per quanto riguarda il tonnellaggio, l’Atego disponeva di diversi tipi, che si estendevano da 6,5 tonnellate  a 15 tonnellate.

L’Atego pesante
Nel 1998 non esisteva ancora una serie compresa fra Atego e Actros.  Per questo motivo l’Atego era disponibile anche come autocarro pesante. Fu dotato di grandi motori e di un telaio più alto. Nel 2000 per questo tipo fu introdotto l’Atego 1533 e 1833. L’Atego ricevette il motore in linea a sei cilindri OM 906 LA. La cilindrata di questo motore fu però aumentata a 7,2 l, il che incrementò la potenza del motore a 240 kW (326 CV) e 1.300 Nm. Questo motore fu denominato OM 926 LA.

Nel 2001, la serie pesante dell’Atego fu sostituita da una nuova serie. D’ora in avanti il Mercedes-Benz Axor continuò a presentarsi come la serie pesante fra Atego e Actros. I motori dell’Atego impiegati fra il 1998 (première dell’Atego) e l’introduzione dell’“Atego pesante” erano il quattro cilindri in linea OM 904 LA e il sei cilindri in linea OM 906 LA.

Il primo rifacimento dell’Atego fu presentato all’IAA per veicoli industriali nel 2004. In questo intervento furono ingrandite le frecce e fu adattata la parte anteriore al frontale del nuovo Actros del marzo 2003. I motori sono rimasti invece invariati. Tuttavia, era possibile abbinare i motori a diversi cambi. Da un lato, al nuovo cambio idraulico G131-9, un cambio a 9 marce (cambio di base a 4 marce con splitting e marcia ridotta (Crawler) nonché una retromarcia. Dall’altro, all’altrettanto nuovo cambio G85-6 con cambio automatico Telligent (una tecnologia acquisita dall’Actros). Esso acquisì anche la regolazione della frenatura e guida dell’Actros (ABS, ASR, BAS ecc.). Sempre nel 2005 fu ampliata la gamma di motori per l’Atego. Questo ampliamento riguardava un nuovo motore a quattro cilindri in linea. Il vantaggio di questo motore a quattro cilindri in linea era il peso considerevolmente inferiore rispetto al motore a sei cilindri in linea OM 906 LA, il che apportò effetti positivi soprattutto sul segmento sensibile al carico utile di 11,99 tonnellate.  Inoltre l’Atego xx17 fu rafforzato di 7 CV a 177 CV (nonché di 5 Nm arrivando a 675 Nm). Ne consegì l’Atego xx18.

L’intero cockpit dell’Atego fu rivisitato e divenne così molto moderno, simile a quello di un’autovettura. Questo cockpit era disponibile in tre diverse varianti: variante per la distribuzione, per trasporti a lunga percorrenza e variante comfort.     Tuttavia, tutti i veicoli furono equipaggiati di serie con la variante di distribuzione. Le altre due varianti sono disponibili dietro sovrapprezzo. Nella variante di distribuzione fu utilizzata una struttura sottile per facilitare il passaggio al sedile del passeggero. In aggiunta, il cockpit della variante di distribuzione può essere equipaggiato con un ulteriore sedile centrale.  Le altre due varianti per i trasporti a lunga percorrenza e la versione comfort dell’Atego hanno invece più spazio per ulteriori scomparti. La variante per i trasporti a lunga percorrenza ha in aggiunta molti scomparti sul blocco motore. La variante comfort spicca per la pregiata qualità delle superfici, offrendo una sensazione di comfort al conducente. I letti sono stati allargati e grazie a una rete molto resistente aumentano ancora di più il comfort del conducente. Le nuove misure dei letti sono ora di 64,5 cm (sotto) e 70 cm (sopra).

Nel 2006, l’Atego è stato equipaggiato con i motori Euro 4/5 che vengono combinati con la tecnologia BlueTec. Questa tecnologia è già nota dall’Actros.

Gli autocarri Mercedes-Benz (Daimler Trucks) appartengono alla business unit autocarri di Daimler AG che raggruppa i marchi Mercedes-Benz, Fuso, Freightliner, Western Star e Thomas Built Buses.

Daimler è diventata uno dei costruttori leader di autocarri a livello mondiale. Dal 1965, quello di Wörth sul Reno è il più importante stabilimento produttivo per gli autocarri di Mercedes-Benz. A Wörth vengono costruite, tra l’altro, le più importanti serie di autocarri come Actros, Atego e Axor. Nello specifico ciò comprende la produzione di cabine di guida nonché il montaggio dei veicoli.

Nel 1896, i costruttori e fondatori Carl Benz e Gottlieb Daimler presentarono il primo autocarro Mercedes-Benz, un camion Daimler dell’allora Daimler-Motoren-Gesellschaft (DMG).  Fino all’inizio della Seconda Guerra Mondiale, Daimler-Benz ideò diversi autocarri a cassone e camion convenzionali. Ancora oggi nei musei si possono ammirare modelli originari degli anni 30, come il Mercedes-Benz Lo 2000 o il L1500 con impianto a gas d’aria.

Nel 2004, Mercedes-Benz fu il primo costruttore a presentare motori che rispettavano le norme sulle emissioni Euro 4 o Euro 5. A tal fine Mercedes-Benz applicò la tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction). Questa tecnologia fu successivamente impiegata anche dalla maggior parte degli altri costruttori di autocarri. Con una reazione chimica, il catalizzatore SCR riesce a convertire, mediante l’aggiunta di AdBlue, gli ossidi d’azoto tossici in azoto e vapore acqueo.  In questo modo i gas di scarico non vengono più ridotti solamente all’interno del motore, come avveniva finora nei motori.

Nell’Actros si è prestata molta attenzione alla sicurezza. Perciò non c’è da meravigliarsi che con l’introduzione dell’Actros sono stati introdotti nuovi sistemi di sicurezza. L’Actros disponeva di ABS, ASR nonché di airbag lato conducente. Questi sistemi sono oggi disponibili nella maggior parte degli autocarri per il traffico a lunga percorrenza. Inoltre con l’Actros sono stati installati optional come i sensori di distanza, il controllo di stabilità nonché l’assistente di corsia e l’assistente alla frenata d’emergenza.

Offerte Truck sempre aggiornate tramite posta elettronica.
Scegliete quali offerte desiderate ricevere e con quale frequenza.

Ordinare TruckLetter
  • Novità nell'offerta
  • Prezzi ribassati
  • Campagne speciali

Elenco camion - liste di camion usati

    Modelli top dell'inventario

  • Actros